EVENTI

Amen, la religiosità in mostra nell’ex Chiesa di san Giovanni Battista

Nell’appena restaurata ex Chiesa di san Giovanni Battista, in  Via Damaggio Fischetti a Gela, dal 6 al 18 aprile 2017, si tiene la mostra a tema “tra sacro e profano”, Amen: religione e religiosità nell’arte contemporanea.

La location

Chiusa da anni, restaurata recentemente, la sconsacrata chiesa di San Giovanni Battista a Gela riapre le sue porte. Riportata in auge nella sua eleganza, è la sede della mostra d’arte con artisti di fama internazionale che affrontano il tema della religiosità in chiave contemporanea, attraversi vari stili.

Gli artisti in mostra

Mostra Amen

Particolare del Caravaggio – G. Iudice

Oltre alla location, anche la mostra in sè ha molto di gelese. Tra gli artisti in locandina abbiamo i gelesi: Giovanni Iudice; Corrado Inturri; Roberto Collodoro; Fortunato Pepe; Luigi Giocolano , che risiede nel Regno Unito; Giuseppe Brugioni, che vive ad Atene.
La mostra è a cura del noto restauratore d’arte e artista Danilo Mendola, in collaborazione con l’associazione Uncle Jack.
Grande ritorno in città del pop-artist mazzarinese Giuseppe Veneziano. Dopo il dialogo con l’artista tenutosi giorno 5 gennaio 2017 al Palazzo Ducale, espone due opere inedite.

La parola a Danilo Mendola

Mostra Amen

Opera di Giuseppe Veneziano

“E’ affascinante e curioso osservare quante innumerevoli siano le rappresentazioni e i modi di percepire la “spiritualità”appartenenti all’immaginario collettivo e come le mani e il pensiero degli artisti ne rappresentino, di volta in volta, soggettivamente, i vari aspetti della realtà. La religione in Sicilia è anche “ Folkrore e costume “, un misto tra riti religiosi e pagani propri della gente. Essa porta impresse, nelle antiche tradizioni che si tramandano oralmente, la fierezza della sofferenza, dell’ironia e della passione in senso lato. La religione, o meglio ancora, le religioni vivono da sempre parallelamente ed ancestralmente alla normale vita sociale, riflettendosi, soprattutto, negli occhi e nelle gesta della gente umile, nelle rappresentazioni ad esse collegate. Nel mondo antico la festa per antonomasia era quella religiosa, per Platone era “il giorno del rapporto con la divinità”. Nella Pasqua cristiana, ancora oggi, si rinnovano annualmente le vicende mitiche già esistenti in quasi tutte le antiche civiltà, ove si narrava di una dea ( dai Romani chiamata Cerere, dai Babilonesi Ishatar, dai Frigi Cibele, dai Greci Demetra, dagli Egizi Iside) la quale piangeva la morte e assisteva alla rinascita di una divinità che era la personificazione della natura, in particolare del grano…”

Foto panoramica della mostra

Vi invitiamo tutti a partecipare all’evento!

Katia Scicolone

Autore: Katia Scicolone

Nata a Vittoria, cresciuta a Gela, Katia si è sempre contraddistinta per l’irrefrenabile voglia di parlare, parlare, parlare… Così, su consiglio dei suoi conoscenti che la invitavano a tacere un po’, ha ben pensato che forse era il caso di seguire il suggerimento… perciò ha iniziato a scrivere!

Amen, la religiosità in mostra nell’ex Chiesa di san Giovanni Battista ultima modifica: 2017-04-07T21:26:20+00:00 da Katia Scicolone

Comments

comments

Più letti

To Top